Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

VinItaly 2014 a un mese dall’inaugurazione è già tutto esaurito

Manca poco più di un mese all’inaugurazione di VinItaly 2014 (6-9 aprile 2014) e già si parla di spazi espositivi tutti venduti, sold out. Non solo. Il vertice di Veronafiere fa sapere che, per la prima volta da quando il Salone internazionale del vino è stato istituito, 48 edizioni fa, le superfici nette disponibili supereranno il tetto di 100mila metri quadrati. Un traguardo considerato fino a pochi anni fa insuperabile.

 

Vincotto Centenario di Isella
La realtà è che, caparbietà di volere uscire una volta per tutte dalla crisi o speranza di agganciare la ripresa per tempo, ha spinto un numero sempre maggiore di produttori e imbottigliatori ad avere un proprio spazio in quella che è considerata la vetrina più cool per quanti vogliano fare business con il nettare di Bacco (nella foto by E.Co.: bicchiere di vin cotto proveniente da una bottiglia centenaria scoperta recentemente in una cantina privata nei pressi di Montesanpietrangeli, nelle Marche).

Nell’edizione dell’anno passato gli espositori furono oltre 4.300, di cui un buon numero in rappresentanza di una trentina di paesi esteri. Quest’anno potrebbero essere anche di più. Certo è che a chiedere spazio non sono solo le aziende italiane. Molte sono quelle con targa straniera, che, al pari di quelle domestiche, intravedono in VinItaly un’occasione da cogliere al volo per promuovere e fare degustare i propri prodotti a un numero impressionante (da 150 a 160mila) di visitatori e consumatori di mezzo mondo.

Per fare fronte alla crescente domanda di espositori esteri, i responsabili del Salone hanno disposto l'apertura di una nuova area riservata in esclusiva allo scopo e denominata Vininternational. E sempre nell’ottica di rispondere a logiche innovative capaci di impattare positivamente a livello internazionale, ecco il lancio di un nuovo padigliore denominato Vinitalybio organizzato in joint tra Veronafiere e Federbio e pensato per dare visibilità ai vini biologici certificati. Si tratta di una tipologia di vini che sta conquistando uno spazio crescente tra i consumatori del Nord America, Nord Europa ed Estremo Oriente. E i produttori italiani più avveduti sanno che non possono permettersi di lasciar ad altri queste nuove opportunità.  (www.vinitaly.com)