Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Flash – Enoteca Italiana, la Provincia di Siena ha votato per lo scioglimento

Il Consiglio della Provincia di Siena, riunito quest’oggi per deliberare sulle iniziative da intraprendere per il futuro dell’Enoteca Italiana di Siena, di cui è socia, ha votato a maggioranza lo scioglimento dell’ente Mostra mercato nazionale dei vini di pregio.
Dello stesso argomento se ne occuperà domani il Consiglio comunale della città senese, come anticipato da questo blog – TerraNostra – che ha narrato le vicissitudini cui è sottoposto l’ente senese. Si veda articolo precedente in rete.

  • Nicola Dante Basile |

    Il contenuto della lettera del Signor Pierdomenico Garrone non ha un diretto collegamento alle vicende di Enoteca Italiana di Siena, ma a questioni relative a un’altra grande regione vitivinicola italiana, il Piemonte. Il contenuto, la cui veridicità ricade esclusivamente sull’autore, ha comunque riferimenti attinenti a problematiche e ruolo socio-economico delle enoteche pubbliche in Italia.

  • Pier Domenico Garrone |

    È ora di passare ai fatti che servono al settore del vino smettendo i modelli di lobbismo che hanno fatto chiudere Enoteca Italiana di Siena e l’unico progetto a sistema con tutte le Regioni presenti che è stato fermato solo da un’inchiesta giudiziaria terminata 12 dopo con una sentenza che entra nel merito”il fatto non sussiste “. Il resto è FUFFA. Ricordo solo per memoria :2003: La Conferenze delle Regioni e il Governo Berlusconi mi nominano Presidente della società Enoteca d’Italia. Unico progetto di promozione e valorizzazione “a sistema Italia” che unisce le enoteche regionali di tutte le Regioni d’Italia sotto un’unico marchio istituzionale. Enoteca d’Italia nasce sullo sperimentato modello di Enoteca del Piemonte che riuniva “a sistema” tutte le enoteche e botteghe del vino istituzionalmente riconosciute secondo una legge regionale.
    Il Consiglio di Amministrazione di Enoteca d’Italia era nominato in accordo tra Regioni e Governo senza quote riferibili ai Partiti ma nell’interesse della rappresentanza Nord / Centro Isole /Sud.
    2005 : Il Procuratore di Asti Giuseppe Sorbello apre un’inchiesta giudiziaria sia per Enoteca del Piemonte sia per Enoteca d’Italia ipotizzando reati gravi che gli permisero l’invio di avvisi di garanzia a membri del Governo, a dirigenti del Ministero delle Politiche Agricole, al Presidente di Enoteca del Piemonte e al Presidente di Enoteca d’Italia.
    2017: Ieri il Tribunale di Roma ha assolto in primo grado il sottoscritto Pier Domenico Garrone nel merito delle contestazioni mosse dal Pubblico Ministero. Così aveva già fatto la Corte dei Conti di Roma mentre mai fu avviato il processo ad Enoteca del Piemonte.
    12 anni dopo ora si riparte!

  Post Precedente
Post Successivo