Niko Romito (dx) e Andrea Di Fabio